Chi sono

Sono sempre stato convinto che il lusso sia un’esigenza dell’anima. Nella vita caotica del mondo occidentale, il vero lusso è poter dedicare qualche minuto ogni giorno alla contemplazione ed elevare i propri pensieri al di sopra dei frenetici ritmi quotidiani: è poter occupare del tempo non solo con un “dolce far niente” ma anche con un (forse ancora più dolce) “fare senza stress”. E’ il concetto di “otium” degli antichi Romani che, al contrario del significato negativo oggi assunto dalla parola “ozio” quale sinonimo di noia e di vuoto mentale, indica uno stato di rilassamento sorprendentemente produttivo di pensieri, di idee, di effetti benefici sulla psiche e sul corpo.

 

Mi chiamo Alberto, sono nato nel 1967, vivo e lavoro a Torino e il Destino mi ha fatto comprendere che occuparsi di piante e fiori o restare immersi nella bellezza anche solo per qualche istante quotidianamente è una vera e propria terapia di benessere che trasmette energia positiva: l’“otium” è il modo migliore per liberarsi dalla schiavitù contemporanea dello stress: per questo la mia impresa, nell’ambito della quale è nato Curiosando in giardino, si chiama Mensarius, personaggio dell’antica Roma che si batté contro la schiavitù.

 

Non esiste altro luogo più adatto all’otium di uno spazio verde: che sia un grande parco, un lussureggiante giardino, un panoramico terrazzo, una romantica veranda o un semplice balcone cittadino, uno spazio verde è il luogo ideale in cui poter coltivare, attraverso le piante, il proprio spirito.

 

Vorrei quindi trasmettere questa sensazione di benessere a chiunque visiti Curiosando in giardino, accogliendolo come un ospite d’onore e, nel contempo, facendolo sentire a casa: d’altronde il simbolo di Curiosando in giardino – i due alberi uniti da un’unica chioma – rievoca due personaggi mitologici, Filemone e Bauci, che fecero dell’accoglienza uno stile di vita.