ZUCCHE, MAGICHE ZUCCHE!

Sontuose e allettanti, le zucche sono sempre state tra i più comuni frutti autunnali, ma oggi la loro notorietà è in continua ascesa dopo che la festa di Halloween ha scelto proprio la zucca come emblema.

La zucca è il simbolo di Halloween.

La zucca è il simbolo di Halloween.

La zucca appartiene alla famiglia delle cucurbitacee e si presenta in moltissime varietà dalle forme e dai colori più vari: ve ne sono di tonde, allungate o schiacciate, bitorzolute o lisce, piccole o enormi, verdi, gialle, multicolori. E’ una pianta annuale, ama un’esposizione soleggiata e richiede un terreno ricco e ben drenato. Teme il gelo ma non le malattie né i parassiti. Questa sua caratteristica di pianta “rustica” ne rende la coltivazione piuttosto facile. La semina si può effettuare a partire da marzo, al riparo dalle intemperie. Al momento della messa a dimora delle plantule o dei semi, occorre lasciare uno spazio di almeno un metro su tutte le direzioni affinché la pianta adulta possa svilupparsi correttamente. Eventualmente si può far arrampicare la pianta su un graticcio, avendo però cura di predisporre dei rinforzi a sostegno dei frutti. Il fusto si spunta sotto la terza o la quarta foglia per stimolare lo sviluppo della pianta. Per infoltire la vegetazione è bene effettuare due cimature verdi e, per essere sicuri che i fiori femminili siano tutti fecondati, sui loro stimmi si può passare un pennello precedentemente intinto nel polline dei fiori maschili (che poi potranno anche essere raccolti e mangiati senza che ciò comprometta il raccolto). Su ogni piede, è bene non far lasciare sviluppare una quantità eccessiva di frutti (al massimo quattro o cinque) che pregiudicherebbe la qualità del raccolto. Per evitare che il frutto resti a contatto con il suolo umido e finisca per marcire, è consigliabile mettere sotto lo stesso un telo a rete o della paglia, che ha anche la funzione di evitare la crescita di erbe nocive. I frutti vanno raccolti quando le foglie si seccano. In genere, occorre prevedere circa una sessantina di giorni per la comparsa dei fiori e poi un ulteriore periodo di circa ottanta giorni per la crescita dei frutti. Le zucche, quindi, compaiono sulla pianta circa cinque mesi dopo la semina. In autunno, le zucche si raccolgono prima dell’arrivo del gelo e poi possono essere conservate per mesi al riparo dall’umidità e in luogo fresco.

 Le zucche sono di moltissime varietà

Le zucche sono di moltissime varietà.

 Tra le più note varietà vi sono la Marina di Chioggia (forse la migliore zucca commestibile d’inverno, verde, bitorzoluta), la Turbante Turco (bicolore, rosso in alto e grigio-giallo nella parte inferiore, apprezzata soprattutto a scopo ornamentale), la Hubbard (verde, con la forma di un grosso limone), la Gigante Quintale (gialla, rotonda, leggermente costoluta, di grandi dimensioni).

Talune zucche sono davvero giganti!

Talune zucche sono davvero giganti!

Una raccolta di piccole e medie zucche ha un effetto decorativo assicurato.

Effetto decorativo delle zucche.

Effetto decorativo delle zucche.

E la magia della rotondità della zucca è indiscutibile: non ricordate quale mezzo la fata offrì a Cenerentola per andare al fatidico ballo?

La zucca più magica che ci sia!

La zucca più magica che ci sia!