Il castello di Monterado e il suo parco

Il castello di Monterado veglia, con il suo parco di sette ettari, su un panorama dalla bellezza inusitata che spazia dalle dolci colline marchigiane sino al mare.

Castello di Monterado

castello di monterado

Si tratta di una dimora privata, appartenente alla stessa famiglia da quasi un secolo, le cui porte sono state aperte al pubblico grazie alla coraggiosa sfida di Orlando e di Kira, che, non cedendo alle lusinghe di aspiranti acquirenti stranieri, hanno deciso di mettersi in gioco e di dedicare le loro energie a restituire all’antico palazzo una nuova vita, nel rispetto della sua illustre Storia, iniziata nel lontano anno Mille.

castello di monterado

Oggi il castello è in parte adibito ad albergo e ad ambientazione per ricevimenti e feste e in parte a residenza privata della famiglia dei proprietari. La ristrutturazione e l’arredamento sono stati curati con passione filologica, senza minimamente snaturare l’anima di quella che fu l’abitazione di Massimiliano Beauharnais, nipote di Giuseppina Beauharnais, prima moglie di Napoleone Bonaparte.

castello di monterado

La fascia del parco più esterna è un bosco di pini e querce secolari, allori e viburni. Accanto al castello, invece, è collocato un tipico giardino all’italiana, ombreggiato da giganteschi cedri del Libano. La punta mozzata del cedro davanti all’ingresso principale del castello ricorda che anche qui le bombe della seconda guerra mondiale fecero risuonare la loro lugubre eco.

castello di monterado

Tre gelsi statuari osservano la piscina, a cui si accede tramite una scalinata costeggiata da profumatissimo rosmarino.

Fitte siepi di bosso scandiscono aree coltivate a bulbi, ortensie, salvia splendente.

Castello di Monterado

Il borgo di Monterado si trova proprio al di là della cancellata, certo del fatto che nulla turberà la sua quiete, appena increspata dai rintocchi vespertini della campana parrocchiale e dal frinire delle pigre cicale.

Castello di Monterado