Attrezzi da giardino

Secondo un vecchio adagio, “i buoni attrezzi fanno il buon giardiniere”: tridente, pala, zappa, rastrello, forbici sono alcuni dei numerosi attrezzi da giardino senza i quali i giardinieri sarebbero in grave difficoltà.

attrezzi da giardinoGli uomini utilizzano gli attrezzi per coltivare la terra sin dalla preistoria. I primi agricoltori utilizzavano attrezzi in legno e in pietra dei quali sono state trovate, in alcune grotte, rappresentazioni di epoca paleolitica, risalente, cioè, a circa quarantamila anni prima di Cristo.

Durante i secoli, l’uomo non ha mai smesso di migliorare i propri utensili e le proprie tecniche di coltura. La pala, la vanga, la zappa hanno fatto fare enormi passi in avanti alla società agricola. Questi attrezzi, utilizzati dalle legioni romane per costruire i loro campi militari, vennero adottati rapidamente dai coltivatori per lavorare la terra a scopi agricoli.

A partire dal Rinascimento, la moda dei  giardini ornamentali  favorì la comparsa di nuovi attrezzi da giardino, come le cesoie e il coltello da potatura, indispensabili per l’ars topiaria, tanto in voga nei giardini di Corte.

Soltanto il XX secolo vide la democratizzazione del giardino ornamentale, il quale, da luogo tradizionalmente riservato alle classi privilegiate, divenne accessibile a tutte le fasce della popolazione, per lo più dedite alla coltivazione di piccoli spazi. Gli attrezzi da giardino, pertanto, vennero declinati in dimensioni ridotte.

attrezzi da giardino

Oggi la nuova frontiera del giardinaggio è l’ortoterapia (Horticultural Therapy: “mi curo nel giardino e con il giardino. Io curo le piante, loro aiutano me”), valido ausilio alle cure farmacologiche e psicoterapeutiche per molte forme di disagio psichico, come ormai riconosciuto dalla moderna scienza psichiatrica. Guidare l’evoluzione di un angolo verde – giardino, terrazzo, veranda – è, infatti, una delle più efficaci vie di rilassamento mentale. Toccare la terra, lavorarla, sentirne il profumo, assecondare i ritmi di crescita delle piante sono attività che costituiscono un potente alleato contro lo stress perché, fondamentalmente, insegnano a trovare un equilibrio tra timori e speranze.

Il terreno (inteso, in senso ampio, come substrato di coltura, e quindi come terra da giardino o terriccio da vaso) ha bisogno di essere pulito, drenato e arieggiato per assicurare che alberi, arbusti e prato abbiano acqua, ossigeno e nutrimento a sufficienza. Le attività volte ad ottenere tali risultati, se effettuate con l’attrezzo giusto, saranno facili e divertenti.

Nella scelta degli attrezzi da giardino bisogna cercare innanzitutto caratteristiche di robustezza e maneggevolezza.

Sicuramente il metallo più adeguato a soddisfare tali esigenze è l’acciaio inox per le sue eccezionali caratteristiche di indeformabilità e di inattaccabilità dalla ruggine. Quanto ai manici, il legno è certamente il materiale da privilegiare sia per la sua maneggevolezza sia per la sua robustezza.

Il kit essenziale per l’amante del verde è costituito da paletta, zappa, rastrello e tridente.

attrezzi da giardinoLa pala (paletta se di piccole dimensioni) è particolarmente adatta alla lavorazione di terreni compatti e argillosi e serve a rivoltare le zolle, a romperle e a preparare il terreno per la semina. Se la forma della lama è sufficientemente rastremata e la struttura dell’attrezzo è sufficientemente ricurva, la paletta può essere utilizzata anche come piantabulbi.

attrezzi da giardino - pala o palettaLa zappa, soprattutto se con lama trapezoidale, viene utilizzata sia per la rottura delle zolle superficiali del terreno in occasione delle concimazioni periodiche sia per la sarchiatura, una lavorazione che consente di estirpare le erbacce e le radici in eccesso e quindi di ripulire e ossigenare il terreno. La forma quadrata della zappa consente anche di delimitare il perimetro delle aiuole.

attrezzi da giardino - zappa o zappettaIl rastrello presenta dei rebbi corti, che servono a livellare il terreno prima della semina, sbriciolare le zolle, coprire le sementi, ripulire la superficie del terreno dalle foglie secche. Se i rebbi sono sufficientemente appuntiti e rigidi, il rastrello può anche essere utilizzato per sarchiature superficiali.

attrezzi da giardino - rastrello o rastrellinoIl tridente o sarchiello è utile – soprattutto se ha rebbi piatti – per dissotterrare bulbi e tuberi. Consente, poi, di effettuare la sarchiatura e di forare periodicamente il terreno in modo da favorire l’aerazione e il drenaggio. Se di grandi dimensioni, il tridente assume il nome di “forcone” e viene anche utilizzato per spostare i materiali organici di risulta (erbe falciate, piccoli rami recisi) e lo stallatico.

attrezzi da giardino - tridente o forconeUn cultore di giardinaggio deve anche avere un bel paio di forbici da giardino. Ve ne sono di vari tipi (per fiori, per siepi, da vigna, per erba). Per recidere fiori e piccoli rami di arbusti, sono consigliabili forbici con le punte sottili. Nel caso si debbano effettuare lavorazioni su siepi, è bene utilizzare forbici abbastanza grandi, con lame o manico piuttosto lunghi

attrezzi da giardino - forbici da giardino felco Per chi pratica il giardinaggio, anche soltanto a livello amatoriale, l’importante, comunque, è possedere forbici di buona qualità, dotate di lame resistenti e ben affilate.

attrezzi da giardino - forbici da giardino felco La manutenzione degli attrezzi da giardino richiede essenzialmente la loro attenta pulizia al termine delle lavorazioni. Le lame vanno lavate e asciugate accuratamente e, nel caso, può essere utile lubrificare le parti mobili e affilare le lame. Gli attrezzi non vanno mai lasciati sparsi per il giardino, ma vanno riposti in un luogo pulito e al riparo dalla pioggia. Con questi piccoli accorgimenti, gli utensili da giardinaggio avranno una lunga durata e manterranno inalterata nel tempo la loro efficacia.

Se, poi, si tratta di attrezzi di design, gli stessi potranno essere collocati ben in vista e così fungere anche da originale elemento decorativo per la casa.

Attrezzi da giardino di design